Articles tagged with: content

Slider homepage Kill Skill

Un non catalogo di competenze

Gli elenchi di skill non funzionano. E allora cosa motiva le persone a imparare? Ecco il tema del nuovo Quaderno di Weconomy.
Disponibile dal 10 gennaio 2019, in allegato con Harvard Business Review Italia

  • Venerdì, 15 Dicembre 2017
  • Leggi in 3 min
Robot: l'automazione è collaborativa?

Slider homepage Robot: l'automazione è collaborativa?

Quale sarà il futuro della collaborazione uomo-macchina? Siamo alle soglie di una nuova epoca dominata dal technological unemployment o di una governata da distruzione creativa? 

  • Venerdì, 15 Dicembre 2017
  • Leggi in 3 min

Future "It's the Content, stupid"

“Ultima chiamata per Weconomy”: era questa la provocazione di Thomas Bialas, futurologo e Scenario Architect Weconomy, dal Quaderno #1: un appello a non scordare – nel boom del “socialize everything” – un semplice ingrediente: il contenuto.

  • Venerdì, 15 Dicembre 2017
  • Leggi in 3 min
C di CO:

Articoli C di CO: "it's the content, stupid"

“Ultima chiamata per Weconomy”: era questa la provocazione di Thomas Bialas, futurologo e Scenario Architect Weconomy, dal Quaderno #1: un appello a non scordare – nel boom del “socialize everything” – un semplice ingrediente: il contenuto.

  • 10 Giugno 2013
  • Leggi in 2 min
Weconomy: un ecosistema multicanale

Slider homepage Weconomy: un ecosistema multicanale

Un sistema OPEN (navigabile, aperto, libero, infinito) che include un blog, un’app, e la collana editoriale “Making Weconomy” – Quaderni per l’Impresa Collaborativa”.

  • Venerdì, 15 Dicembre 2017
  • Leggi in 3 min
Feedback is the (new) content

Management Feedback is the (new) content

Il ruolo e l’importanza del cosiddetto “feedback” da parte dei Clienti è un dato di fatto; ma come progettarlo? E come renderlo efficace – anche nell’ambito delle business community – rispetto ai nostri obiettivi?

  • Venerdì, 15 Dicembre 2017
  • Leggi in 3 min
OVERLOAD vs SCHEDULING

Articoli OVERLOAD vs SCHEDULING

Nel quaderno #5 Antonella Castelli, Service Designer Logotel, illustra come un progettista si possa districare all’interno dell’information overload, non solo dando forma ai contenuti, ma anche generando da essi nuovo valore. Leggi come qui.

  • 04 Marzo 2014
  • Leggi in 3,5 min