Una profonda coerenza, contro il trash

Companies Una profonda coerenza, contro il trash

Il trash esiste anche quando non c’è acquisto compulsivo. E il settore bancario è un punto di vista interessante per comprendere come, tra gli antidoti alla vendita-spazzatura, ci sia un atto di responsabilità: progettare ricadute positive per la società

Sono convinto di una cosa: dal trash possono nascere gli anticorpi per sconfiggerlo. Se ragioniamo a partire da quest’idea, si aprono due prospettive. La prima è negativa e ci serve per definire i confini di ciò che vogliamo superare. Credo che il trash esista perché, spesso, siamo portati a comprare per colmare un vuoto. Nel tentativo di riempire di senso valori sempre più sfuggenti, l’atto d’acquisto ci offre una soddisfazione immediata. Tutto nasce da un desiderio di possesso che non riguarda solo gli oggetti fisici, coinvolge anche i servizi digitali (non penso che le formule pay-per-use, da sole, siano risolutive). Il marketing – se ragiona in ottica trash – sa bene come sfruttare questo desiderio. Dal “bisogna colpire la testa dei Clienti”, siamo passati al “dobbiamo conquistare la pancia” fino ad arrivare a “dobbiamo prendere il dito delle persone”, quel dito che fa toccare il pulsante “acquista con un clic”. È un modo di pensare che esclude la necessità di riflettere, che punta sul far acquistare tante piccole cose di poco valore, per ridurre al minimo i momenti di pentimento che nascono quando si realizza di aver speso troppo. E così vediamo sempre più spesso offerte senza scadenza, Black Friday e formule sconto alle quali è difficile resistere. Ma la soddisfazione generata da queste strategie è solo apparente:
il vuoto non viene colmato e ci si accorge quasi subito che i beni comprati non servono davvero e, quindi, diventano spazzatura.

Possiamo pensare al trash come a un virus, che una volta sconfitto rende un organismo più forte

Se ci fermassimo qui potremmo saltare subito alle conclusioni: il trash ha vinto. Penso invece che il marketing e le vendite abbiamo una grande responsabilità, perché oggi siamo costretti a ragionare per cambiare le cose. Secondo me stanno nascendo i presupposti per una nuova consapevolezza e nuove scelte di consumo. Ed ecco la prospettiva positiva: possiamo pensare al trash come a un virus che – una volta sconfitto – rende un organismo più forte.

Ciò vale anche nel mio mondo. Il settore bancario sembrerebbe non risentire degli effetti del trash, perché i prodotti finanziari non danno piacere immediato, sono meno soggetti a un acquisto compulsivo e ci sono fortissimi elementi di regolamentazione, che impediscono di esporre i Clienti a rischi incompatibili con il loro profilo. Ma la nostra responsabilità è altrove: dobbiamo contribuire a progettare il futuro per le persone e per la società. Ecco perché, secondo me, chi lavora in banca dev’essere un “architetto delle scelte” e aiutare i Clienti a visualizzare un valore superiore.

Potremmo pensare che le regole alle quali siamo sottoposti ci tolgano iniziativa e ci sottraggano a quelle forme di ingaggio tipiche della vendita tradizionale, ma le banche non sono organizzazioni for profit come le altre, devono essere anche fit and proper (competenti e corrette). Prima di vendere un prodotto finanziario dobbiamo costruire un equilibrio che, rispettando le regole, risponda ai bisogni dei Clienti senza correre rischi reputazionali o condurre le persone a scelte sbagliate.

La nuova sfida è stare sul mercato creando un allineamento di interessi e soprattutto di valori

Fino a poco tempo fa i compiti delle banche erano “spostare soldi, dare soldi e dare consigli sui soldi”. Oggi ci stiamo muovendo oltre: i nostri gestori suggeriscono prodotti pensando a un allineamento comune degli interessi, che vada oltre il vantaggio nel breve termine. Per esempio, quando un Cliente acquista un servizio dedicato alle spese mediche con un canone mensile, noi facciamo un costante monitoring e – se non viene utilizzato – è nostro dovere essere proattivi: sospenderlo e restituire i soldi. Una scelta che, proiettata su grandi numeri, ha effetti negativi sul nostro fatturato. Ma va comunque fatta perché, per preservare una relazione con il Cliente destinata a durare, deve guidarci una profonda coerenza.
Abbiamo un’opportunità più grande: generare ricadute positive non solo tra i due attori coinvolti direttamente (la banca e il Cliente) ma sull’intero sistema, sulla società e sul pianeta. Ed ecco che prende forma una nuova sfida: generare utili contribuendo a una società che crede a un’idea di futuro. Non è un ragionamento astratto, è qualcosa che trasforma la composizione dei nostri prodotti. Per esempio, i nostri pacchetti previdenziali hanno senso di esistere per garantire il benessere futuro a un individuo, ma quel futuro potrà esistere se le aziende in cui il fondo investe sono responsabili verso l’ambiente e la società, in altre parole se gli investimenti sono ESG. Il mezzo cambia e si crea così un allineamento di interessi e soprattutto di valori. La nostra idea di stare sul mercato costruendo questo tipo di relazione diffusa è il nostro modo per combattere il trash. 

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18917

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.