La dimensione collaborativa della scienza

People La dimensione collaborativa della scienza

1 di 2 – Intervista a Marco Bersanelli, professore ordinario di astronomia e astrofisica all’Università Statale di Milano.

A volte capita di tornare in università dopo anni dalla propria laurea e chiedersi perchè non si sia continuato a studiare. A noi è successo con il professore ordinario di astronomia e astrofisica all’Università Statale di Milano Marco Bersanelli, intervistandolo sulle intersezioni tra scienza e collaborazione.

Quali sono le condizioni che facilitano la collaborazione?

Prima di tutto, è essenziale la consapevolezza dello scopo comune che si ha. Consapevolezza che cresce nel tempo, che non è “on/off”, perché il diventare sempre più consapevoli del valore e della bellezza a cui si tende è un processo. Altro aspetto fondamentale è la considerazione del lavoro altrui: da soli non si va da nessuna parte. Il lavoro dell’altro è come un “bene” per me, nel momento in cui andiamo nella stessa direzione. Autorevolezza della leadership: il leader deve saper valorizzare il singolo e creare empatia con lo scopo che si deve raggiungere. Allora un leader diventa autorevole e la gente ascolta volentieri e domanda un coordinamento, situazione molto diversa da un coordinamento imposto che nella ricerca scientifica non funziona.
Chi guida deve far percepire tutto lo spazio della libertà del contributo del singolo. L’autorevolezza del leader diventa uno strumento di crescita di sé, affinché il singolo possa godersi di più il proprio lavoro, in un clima lavorativo intenso e positivo.

Come descriverebbe i processi collaborativi che coinvolgono più team internazionali? Pensiamo ad esempio alla missione dell’ESA Planck alla quale ha lei stesso lavorato…

La complessità non fa che rendere più decisive le dinamiche descritte prima: l’autorevolezza del leader è vitale. Nessuno fa una cosa solo perché qualcuno gli ha detto che la deve fare: nella ricerca scientifica non vale. Occorre condividere lo scopo di ogni passo che si fa, solo così si può accettare che a volte si debba sacrificare un percorso a favore di un altro, anche se si è già fatto un pezzo di strada. È interessante come a un certo punto le persone sono indirizzate a ottimizzare il percorso globale della ricerca non solo top-down ma anche bottom-up: ognuno si chiede “Ma come io posso essere più utile? Come posso essere utile al processo nel suo insieme, magari modificando il mio contributo?” nasce spontanea l’esigenza di fare un bel lavoro. La qualità che è richiesta per una missione spaziale dove la complessità è “impossibile” dipende dalla libera adesione del singolo, affinché il proprio contributo sia veramente efficace.

Come descriverebbe i processi collaborativi in situazioni e ambienti difficili, come ad esempio la base Antartica Amundsen-Scott?

Al Polo Sud, poche decine di persone vivono in spazi stretti, in un ambiente “non favorevole”: per una convivenza così difficile servono regole ben precise. La regola è percepita come un aiuto, non come un’imposizione. C’è una fiducia della leadership del coordinatore della base, che non è burocratica, è fondata sulla stima personale, che diventa più cruciale in situazioni estreme. Per lavorare in modo collaborativo, quali sono le qualità umane, personali e relazionali che un ricercatore deve possedere? Sentire l’altro come un bene. Come suo contributo nel lavoro e come compagnia nel tempo che si condivide. I rapporti di lavoro sono rapporti umani. Percepire l’altro come un’opportunità di crescita umana. Soprattutto se si hanno delle responsabilità, è bello vedere come gli altri siano contenti del lavoro che fanno. La fatica può essere fatta con un cuore più leggero. È importantissima la capacità di ricominciare quando si è sbagliato o quando qualcosa è andato male. Sbagliare è normale, il punto critico è quello dopo: come ricominci? Vuoi ricominciare? E come percepisci gli altri? Come un bene o come una minaccia?

Un team eterogeneo favorisce la collaborazione o la complica?

Se c’è un clima sereno e di stima reciproca, l’eterogeneità diventa un valore. Altrimenti diventa uno dei tanti pesi. Se una persona ha un’ambizione alta, allora la diversità del team diventa una ricchezza.

Quali sono i momenti collaborativi nella ricerca scientifica?

Ogni momento ha in qualche modo una dimensione collaborativa. Anche quando uno lavora da solo, ha ben presente che è inserito in un contesto allargato. Nella mia esperienza non c’è nulla che possa sostituire una discussione faccia a faccia, in presenza. Nessuna tecnologia può soppiantare un incontro diretto. Anche l’ascolto dei giovani, degli studenti, tipo durante una tesi di laurea… sono i rapporti diretti a fare la differenza, anche nella formazione. Non si può rinunciare ad un contatto diretto nella collaborazione. Ci si sente parte di una storia, non soltanto una sua estensione.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18955

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.