Comportamenti virtuosi  e valore condiviso

People Comportamenti virtuosi e valore condiviso

Quali sono le nuove responsabilità nella vendita? Abbracciare una prospettiva di lungo periodo e abbandonare quegli aspetti manipolatori che hanno contribuito a creare i luoghi comuni legati alle figure sales

Chiunque di noi vende qualcosa a qualcuno: idee, progetti, soluzioni, noi stessi e le nostre abilità. Vende anche la mamma che vuole convincere il figlio a mangiare più verdura. Questo presuppone essere impegnati in scambi che, come tali, hanno sempre uno scopo, sono finalizzati alla ricerca di un vantaggio. Il fatto che esista uno scopo non significa, tuttavia, che lo scambio debba necessariamente contrapporre i nostri interessi con quelli dell’altro. Eppure, la professione del venditore è spesso associata all’immagine di qualcuno in grado di “vendere il ghiaccio agli eschimesi”, ovvero capace di vendere al Cliente qualcosa che non gli serve.

La vendita etica muove dal principio che la vendita è un mezzo per generare valore condiviso e che questo è il vero obiettivo dello scambio. Parlare di vendita etica, nell’attuale scenario economico, potrebbe apparire un azzardo, perché le condizioni sembrerebbero giustificare un approccio teso al pragmatismo spicciolo, senza tanti fronzoli. E invece i consumatori aumentano progressivamente l’interesse nei confronti dell’etica nelle relazioni commerciali, pretendendo rispetto e coerenza valoriale da parte delle aziende che operano sul mercato. Nonostante ciò, molte organizzazioni continuano a comportarsi in modo scorretto e a ottenere risultati che sembrano premiare più di quanto premino chi si sforza di comportarsi in modo virtuoso.

Perché accade questo? Perché i comportamenti virtuosi richiedono uno sguardo prospettico, che va al di là della contingenza e che tiene conto delle conseguenze del proprio agire nel tempo. Inquadrare i propri obiettivi in una prospettiva di breve periodo, purtroppo, porta le aziende a non cogliere i costi e le perdite di ricavi che derivano dall’agire in modo “miope”. Contrariamente alla credenza popolare, i professionisti delle vendite di successo e di lunga durata sono motivati da qualcosa di più del semplice denaro. Un venditore motivato esclusivamente dal denaro raramente rimane in una posizione di vendita a lungo e tendenzialmente adotta comportamenti da “tutto e subito”. Agire ispirati dall’etica può comportare il non vendere sul breve, ma – a lungo termine – può portare a garantirsi risultati importanti grazie all’accresciuta reputazione, alla fiducia conquistata, alla fidelizzazione e al passaparola spontaneo.

Molti venditori e manager sono costretti a fare i conti con una professione che sta cambiando e che forse non hanno scelto consapevolmente, ma dentro la quale sono cresciuti. Negli anni hanno sviluppato abilità negoziali che adesso i Clienti non sembrano più accettare, e questo li fa sentire impreparati e feriti nell’orgoglio di “veterani” della vendita. Per contro, molti giovani laureati guardano alla vendita come un ripiego poco professionale di una carriera altrimenti destinata ad altro.
Può invece essere la vendita una professione caratterizzata da una deontologia e da un’etica?

I comportamenti virtuosi richiedono uno sguardo prospettico, che va al di là della contingenza e che tiene conto delle conseguenze del proprio agire nel tempo

Se ci riferiamo all’etimologia della parola (ethos), l’etica richiama “comportamento” e “abitudine”. Ciò significa che ha a che fare con il nostro modo di agire. Vendere eticamente, quindi, significa dare al Cliente ciò di cui ha davvero bisogno, perseguendo la soddisfazione reciproca e ricercando responsabilmente uno scambio che porti valore a entrambi. Purtroppo è culturalmente diffusa la convinzione che, per ottenere qualcosa, sia necessario infrangere le regole con un atteggiamento furbo, scaltro, finanche predatorio. Nella vendita, questa cultura del “chi è più furbo vince” è clamorosamente evidente e rende altrettanto palese il bisogno di etica nelle relazioni commerciali. Un venditore di successo, nell’immaginario collettivo, è qualcuno che venendo dal basso ha costruito la sua fortuna “manipolando” in modo utilitaristico le relazioni. Molti direttori commerciali, pur consapevoli della scarsa ortodossia dell’agire dei loro venditori più performanti, hanno scelto di non porre limiti all’azione di chi assicurava comunque un buon volume di vendite.

Come ogni pregiudizio, questa immagine del venditore è basata su un fondo di verità. Per molti anni, infatti, la professione di vendita ha rappresentato il primo accesso al mondo del lavoro indipendentemente dal curriculum e dalle specifiche capacità. Così, grazie a un contesto economico favorevole, molti venditori si sono arricchiti basandosi su esperienza e istrionismo, alimentando in tal modo l’idea che vendere fosse un’attitudine più che una vera professione. Questo modo di pensare è arrivato ai giorni nostri praticamente immutato, messo in crisi – inevitabilmente – dalla recessione dei mercati. Così, le professioni commerciali hanno smesso di essere invidiate. I responsabili vendite hanno iniziato a chiedere analisi e report per i quali i venditori non erano preparati.

Il castello di carte su cui era costruita la professione di venditore è allora caduto. È dunque arrivato il momento di adeguare la figura del venditore ai cambiamenti di scenario in atto, riabilitandola agli occhi del Cliente, dell’azienda e della società, restituendole professionalità attraverso nuove competenze in linea con i tempi. Siamo tutti chiamati ad adottare un nuovo modo di operare, secondo un approccio value oriented (orientato al valore), quale naturale evoluzione di quello customer oriented (orientato al Cliente) cui siamo stati finora abituati.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18976

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.