Valore: questo è il punto

Design Valore: questo è il punto

Quanto le nostre imprese riusciranno a produrre valore in futuro?

sintesi

Ormai tutti abbiamo preso coscienza di come, in un contesto con imprevedibili nessi di causa-effetto tra sistemi economici sempre più permeabili su scala globale, il valore sia volatile; di come la disintermediazione del mercato abbia ridotto il valore, la competizione abbia reso l’offerta una commodity con la perdita progressiva di prezzo e quindi di valore, e l’ibridazione del Cliente nello scegliere cosa e soprattutto come e dove accedere a un prodotto/servizio (grazie alla digitalizzazione) abbia spostato il valore, o semplicemente che quello che noi riteniamo “di valore” non sia riconosciuto come tale… E tanto altro ancora.

Nello scorso Quaderno abbiamo visto come le imprese debbano essere sempre più “Auto, Beta, Co”; esse devono anche tornare a progettare valore, a investire nell’innovazione vera. L’innovazione come mezzo (e non come fine) per tornare a immaginare e offrire prodotti, servizi e momenti di valore, “valorizzando” l’intelligenza collettiva dell’impresa e del suo ecosistema di business (filiera – industry). Sì perché, se non lo abbiamo capito, senza il fattore WE è dura pensare di ri-combinare la “catena del valore”.

È per ciò che in questo Quaderno vogliamo parlarvi della lettera “D” di Design come una delle parole emergenti nel vocabolario dell’impresa del futuro, per ridare forma al business.

Il designer ha capabilities che sono oggi preziose per il management. Il designer progetta, e usa il progetto come perimetro dell’azione. Il futuro lo costruisce insieme agli altri.

Il designer IMMAGINA, allena la Visione, dà forma a “futuri possibili” coerenti all’impresa e al mercato. Ogni sua proposta prende spunto dalle esigenze delle persone in contesti reali e si ispira ai “bi-sogni”, quelle stesse esigenze che la gente già percepisce per sé ma che non è in grado di esplicitare, perché non ha argomenti e strumenti e perché usa modelli interpretativi vecchi.

Il designer abita il presente: è curioso e OSSERVA, e lo fa in modo sia implicito su se stesso, perché condivide i medesimi contesti di vita o sperimenta le stesse esperienze, sia esplicito, progettando strumenti ispirati ad altre discipline. Individua cioè i Valori emergenti.

Il designer progetta, non perde mai di vista il SENSO. Il progetto di un nuovo prodotto, servizio, customer experience o modello organizzativo funziona alla fine solo se ha Valore per i propri Clienti interni dell’impresa, per i Clienti finali esterni, fino alla società stessa. Il designer usa la visione d’insieme (olistica) ma struttura tutte le varie parti del progetto. Il designer si chiede se la customer experience di un Cliente e tutti i “momenti di contatto” con l’impresa siano sinergici e coerenti, se alla fine quel Cliente riuscirà ad accedere al servizio, e a “uscire” dal servizio stesso. Utilizza strumenti di progetto trasversali e dinamici come lo STORYBOARD, il BLUEPRINT e diversi altri. Le imprese lavorano con silos chiusi, spesso disallineati tra loro, con strumenti vecchi e statici che ripartiscono la visione e parcellizzano il progetto fino a arrivare ad avere risultati che per il Cliente finale non hanno senso e motivo di scelta.

Il design dà forma, VISUALIZZA le idee facilitando l’immaginazione e la discussione collettiva, favorendo la co-creazione di significato, semplificando l’incontro tra più culture dentro e fuori l’organizzazione (crossfertilization), anche solo per lo sviluppo di un nuovo servizio. Il design ACCOMPAGNA il progetto nell’organizzazione. Non c’è AZIONE senza strategia e non c’è strategia senza un processo interattivo tra i diversi attori dell’organizzazione, un processo finalizzato a costruire significato in modo collaborativo. Per questo parliamo di “design process”.

Ma attenzione, il designer ha una responsabilità in più oltre a quella di supportare l’impresa nel non perdere il senso (cambiando così la modalità di art direction del progetto): deve anche innescare processi per trasferire know-how (e why) e valorizzare l’intelligenza collettiva interna ed esterna (LEARNING BY DOING), pena il fallimento del progetto. Ed è per questo che in queste pagine insistiamo sui concetti di OPEN DESIGN, COLLABORATIVE DESIGN e SOCIAL DESIGN.

Lo avrete capito: sono un’appassionata del design thinking. Perché vedo e tocco con mano quanto sia utile, soprattutto in questo momento, per mettere intorno al tavolo persone della stessa azienda con culture, obiettivi e linguaggi diversi per un comune obiettivo: TORNARE A PRODURRE VALORE.

Chiediamoci: cosa ci impedisce di provare a lavorare con un approccio di design thinking? Anche solo su un progetto piccolo, anche dentro un’organizzazione “grande”. Nel prossimo Quaderno affronteremo altre parole del nuovo alfabeto dell’impresa, tutte calate sul mondo del retail, e vedremo come il service design diventi un fattore abilitante per strutturare nuove opportunità di business e gestire una relazione con il Cliente finale sempre più circolare. Nel frattempo, buona lettura.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18955

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.