Quali competenze cerca il futuro? Nessuna in particolare, se ci pensi bene

Future Quali competenze cerca il futuro? Nessuna in particolare, se ci pensi bene

Sette spunti per rimettere al centro “l’arte di pensare”. Perché, tra l'apologia delle macchine super-intelligenti e lo spettro della mancanza di skill, si trascura una componente essenziale: ciò che
ci rende umani

  • Dal "pensare esplosivo" fino al "pensare bello", è importante osservare, analizzare criticamente, essere visionari
  • Con la fine della conoscenza standardizzata, pensare è diventato una merce rara, un'arte

Un giorno nel futuro è mancato all’affetto dei suoi cari colleghi il manager competente, bravo, ma senza mente.

Vittima come tanti altri della ferocia di Kill Skill. Competenze imbrattate di sangue? Non esageriamo ma forse, dopo un secolo di mode manageriali, siamo alla resa dei conti. Ora conta (di nuovo) saper pensare e non solo saper agire applicando metodologie imparate a memoria. Anche perché le nuove macchine (autoelettesi “intelligenti”) parlano chiaro: “le cose così stupide che hai imparato a memoria come una macchinetta le so, io, vera macchina, fare molto meglio e molto più velocemente di te”. Giusto così. Fra l’originale, la macchina, e la copia, l’uomo macchina, meglio la prima. Perché infatti scegliere merce contraffatta? E veniamo al punto. È vero che in molti ambiti c’è carenza di abilità (skill shortage) ma anche tanta carenza di “cervello”. Per dire: tanti si preoccupano di rendere la tecnologia più sofisticata, pochi di rendere gli umani più intelligenti. Tempo di rimediare, con alcuni spunti o meglio pensieri.

Pensa domani. O meglio al futuro: come si sviluppano nelle persone le competenze per risolvere i problemi in modo auto-organizzato e creativo? E come si preparano le persone a lavori e tecnologie che ancora non esistono? La verità è che dopo la società post-industriale siamo già quasi pronti per quella post scolastica-universitaria: un luogo dove scuole e università cessano di rappresentare il cuore formativo della nostra civiltà. Un luogo dove la formazione si basa sul principio del just-in-case learning: mi approprio di tool per un bisogno imminente. Anche perché nell’era digitale le nozioni e le informazioni sono reperibili, democraticamente, ovunque. Quello che conta e serve è il linguaggio osservazionale, l’analisi critica, il pensiero visionario, insomma, l’arte di pensare. La fine della conoscenza centralizzata (e standardizzata) segna l’inizio della conoscenza decentralizzata (e individualizzata) basata sull’autoapprendimento e su ecosistemi di scambio in rete con apprendimenti non lineari ma mutevoli, fluidi e tesi al continuo cambiamento. In un mondo del lavoro privato del lavoro rimane solo il mondo, il quale ha bisogno di gente capace di concepirlo. Di che gente abbiamo bisogno? Di autodidatti. Scordatevi la vecchia connotazione limitativa “più di così non può fare, poverino: è solo un autodidatta”. Ora vale il “può fare più di così perché è un autodidatta”. Non abbiamo più bisogno di una fornitura di conoscenze per diventare esecutori, ma di abilità per diventare creatori. Perché domani l’apprendimento è un processo di auto-appropriazione.

Quello che conta e serve è il linguaggio osservazionale, l'analisi critica, il pensiero visionario, insomma, l'arte di pensare

Pensa esplosivo. E non solo positivo. Cos’è che accende la miccia? L’intuizione, mica la meccanizzazione (del pensiero). La conoscenza diretta e immediata non è ovviamente da contrapporre alla conoscenza logica, ma semmai è da integrare. L’ideologia di massa con i suoi credo quasi religiosi di uguaglianza non vede di buon occhio questa qualità, neppure i guru dell’intelligenza artificiale che minimizzano le doti della nostra mente, inconscio e spirito. Tutto ciò che non si può misurare e replicare non esiste. Ma questo non è affatto logico. Siamo in piena guerra culturale. Legioni di pr, markettari, giornalisti e pseudo-scienziati stanno cercando di convincere l’umanità della loro inadeguatezza rispetto alle macchine super-intelligenti. Queste bugie in etichetta rispecchiano la solita vecchia megalomania della società industriale: bigger is better e more is more. Sciocchezze che spesso confondono la forma con la sostanza (ma nessuno sano di mente giudicherebbe intelligente una biblioteca solo perché contiene tanti libri con tanti bei contenuti intelligenti). L’economia della conoscenza ha bisogno del primato delle conoscenze umane. Le persone pensano, le macchine no. Fine del discorso, o per dirla con il pittore francese Francis Picabia: “La nostra testa è rotonda per permettere ai pensieri di cambiare direzione”, intendendo l’anarchia di ogni intuizione. Fate quadrare i conti ma non i pensieri, anzi lasciate libero sfogo al flusso così ben descritto dallo psicologo Mihály Csíkszentmihályi oppure improvvisate come i free jazzer (mixando competenze e intuizione). Mettetevi di nuovo al centro di ogni decisione (come atto di spontanea volontà). E ricordatevi, come ci ricorda uno studio di Gerd Gigerenzer, che alla fine “il 50% delle decisioni importanti delle società quotate in borsa vengono prese in modo intuitivo”.

Pensa circolare. Fisica quantistica, fumetti pornografici, psicologia della Gestalt, romanzi rosa, musica dodecafonica, film splatter, La vita, istruzioni per l’uso (Georges Perec), Il tostapane, istruzioni per l’uso (Philips), teoria delle onde gravitazionali, teoria del complotto sulle scie chimiche, struttura del genoma umano, ingredienti dei tacos, il Vecchio Testamento, Fantozzi in paradiso, il meglio delle tragedie greche, il peggio di Lino Banfi, Le Confessioni di Sant’Agostino, le confezioni di Pavesini, pianificazione e controllo, panificazione e lievitazione... Nutritevi di tutto e del contrario di tutto senza nessun metodo, anzi contro il metodo come insegnava Paul K. Feyerabend. Fatta l’indigestione di contenuti è tempo di dormire e sognare per ben metabolizzare e al risveglio sintetizzare. Il processo cognitivo circolare è molto semplice: aggiornare > sognare > installare o meglio re-installare la sintesi. 

Pensa pancia. Qualche vantaggio a essere tedeschi c’è, ok anche qualche svantaggio, avendo sul groppone (e pancione) Hitler e i crauti. Ecco, pensare (e lavorare) con la pancia. In tedesco il Bauchgefühl (istinto di pancia) è preso molto sul serio nelle decisioni. Potremmo anche chiamarla intelligenza inconsapevole, contrapposta a quella consapevole. Lavorare significa anche decidere e, secondo una vasta corrente delle scienze cognitive (vedi Herbert Simon o Heinz von Foerster), vale il principio che gli approcci analitico-logici (anche supportati da macchine) sono ottimi per decisioni semplici, ma pessimi per quelle complesse. Ci salverà la pancia, poiché l’intuizione batte nettamente l’automazione (soprattutto quando si tratta d’innovare radicalmente o imporre il proprio carisma). 

Ci salverà la pancia, poiché l'intuizione batte nettamente l'automazione

Pensa critico.  Il lavoro oggi è solo concettuale, relazionale ed emozionale. Il resto lo fanno e faranno le macchine. O meglio siamo “limitati” a pensare, pianificare, decidere, controllare e produrre senso mentre al resto ci pensano (penseranno) i “sistemi”. Questo è giusto e corretto. Ma allora dobbiamo chiederci perché mai dovremmo imparare (ancora) a fare cose che le macchine già stanno facendo meglio oggi? Non bisogna forse imparare a comprendere consapevolmente e criticamente i cambiamenti in atto per dare un indirizzo voluto e non subito? Di concepire creativamente le conseguenze della tecnologia? Di dare una forma (Gestalt) alle cose? Di abbandonare la retorica degli esperti che in tedesco, in modo sublime, vengono anche chiamati Fachidioten (idioti in materia) che sanno sempre più cose di meno cose?

Pensa discutibile. Mettere in discussione gli indiscutibili dogmi che paralizzano l’impresa è giusta pratica del manager innovatore. Lo sappiamo: in tutti i settori ci sono regole ferree finché non arriva qualche eretico che le rompe. Alcuni esempi storici di “spacca dogmi”: il toyotismo di Kiichirō Toyoda ha rotto il dogma fordista (taylorismo) “i lavoratori sono esseri con due braccia che casualmente hanno anche una testa”, includendo ogni lavoratore in processi innovativi e qualitativi; Anita Roddick (fondatrice di The Body Shop) ha rotto il dogma dell’industria cosmetica “i cosmetici devono essere testati sugli animali”, facendone a meno e diventando pioniera della sostenibilità cosmetica; Larry Page e Sergey Brin hanno rotto il dogma classico dei media “le informazioni costano denaro”, creando con Google un modello gratuito basato sullo scambio di informazioni (e dati); Aldi, e i discounter in generale, hanno rotto il dogma “i supermercati devono offrire un grande assortimento”, riducendo drasticamente spazi e numero di prodotti; le compagnie aeree low cost hanno rotto il dogma “volare è costoso e lussuoso”, ribaltando l’intero settore del turismo.

Non bisogna forse imparare a comprendere consapevolmente e criticamente i cambiamenti in atto per dare un indirizzo voluto e non subito?

Pensa bello. La prima volta che vidi il Cirque du Soleil pensai, “frassicamente”, tra me e me “non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello”. Grande bellezza, tutto qui. Un tempo le Lancia (tipo Aurelia B24S Spider del film Il Sorpasso) e le Alfa Romeo (tipo Duetto del film Il Laureato) facevano innamorare gli automobilisti. Un tempo le fabbriche della vecchia Olivetti (tipo Pozzuoli) facevano innamorare gli operai (aumentando la produttività). Non so se la bellezza salverà il mondo (come voleva Dostoevskij), ma potrebbe salvare molte imprese (come vorrebbero un po’ tutti i manager). La bellezza è stata sacrificata in nome dell’efficienza e della redditività. Eppure: i prodotti della Apple sono belli, quelli della Microsoft brutti (politicamente scorretto, ma esteticamente corretto). Prodotti e servizi che incarnano la sezione aurea o proporzione divina. È assai semplice: la bellezza appaga l’anima e dunque ogni cliente e il “Bello Manager” lavora su questo.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18795

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.