I quattro pilastri della Sales Transformation

Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura I quattro pilastri della Sales Transformation

Una prospettiva sistemica che inquadra quattro elementi fondamentali per affrontare le trasformazioni nel mondo delle vendite: Persone, Tecnologia, Integrazione e Accelerazione

Si dice che i contesti di mercato siano sempre stati complessi agli occhi di chi li ha vissuti. Conoscendo solo il tempo che vivo, non avrei dubbi nel dire che ci troviamo in un periodo connotato da elevata complessità.

Consumatori con bisogni mutevoli, infedeli, reattivi. La sofisticazione della funzione acquisti è aumentata così come la lunghezza dei cicli di vendita che, tra l’altro, coinvolgono un numero crescente di interlocutori. Disintermediazione e confini tra settori che sfumano, portando le imprese a confrontarsi con nuovi competitor e generando confusione su chi sia lo “specialista” in un determinato ambito. Le imprese di prodotto si avvicinano sempre più ai servizi, e i servizi, a loro volta, vengono acquistati con le logiche del value-in-use. La tecnologia apprende sempre più velocemente dai nostri comportamenti individuali, mettendo in discussione concetti come le ricerche di mercato e la segmentazione top-down.

A quanto sopra, si aggiunge il passaggio da una logica transazionale a una relazionale nella gestione dei rapporti con i Clienti e con gli altri attori del network inter-organizzativo. La relazione non è più un mezzo, ma diventa il luogo primario di co-creazione del valore e anche un tessuto che permette di accedere a nuove forme di intelligenza collettiva. Il comportamento economico e le sue conseguenze sono infatti influenzati dalle reti sociali in cui l’azione è immersa e dalle dinamiche dei sistemi relazionali. Questo rende importante combinare valenze economiche, psicologiche e sociali per comprendere il comportamento degli attori economici nei mercati moderni, incluse le vendite.

La relazione non è più un mezzo, diventa il luogo primario di co-creazione del valore e anche un tessuto che permette di accedere  a nuove forme di intelligenza collettiva

Se tutto questo lo si colloca in contesti internazionali e multiculturali, il numero di variabili da considerare per coloro che si occupano di marketing e vendite aumenta drammaticamente.

Alla luce di quanto sopra, non dovrebbe stupire che le organizzazioni si ritrovino a ripensare il ruolo delle vendite. Si tratta di un cambiamento pervasivo, che condiziona le competenze delle persone di vendita, la gestione della relazione con i Clienti, l’organizzazione commerciale e anche l’impatto delle tecnologie a supporto dell’attività di vendita.
Ma di questa trasformazione si sa ancora poco, spingendo appunto l’Università IULM a far diventare la “Sales Transformation” uno degli ambiti chiave di studio, alimentando processi di formazione, ricerca e relazioni con le imprese.

Nello specifico, IULM ha elaborato un modello di assessment dello stato della Sales Transformation basato su 4 pilastri: Persone, Tecnologia, Processi di Integrazione e Processi di Accelerazione, ciascuno di essi misurato da una serie di dimensioni e sub-dimensioni.

I risultati indicano che, tra i quattro pilastri della Sales Transformation, quello che presenta il maggiore effetto trasformativo sono le Persone.

Una delle evidenze più importanti su questo fronte sono le competenze trasversali che saranno sempre più richieste ai venditori; una volta vi era il carismatico/relazionale che si contrapponeva allo stile di vendita del tecnico/razionale. Ora quello che emerge è la richiesta di profili che cavalchino nuovi spazi di valore “ibridi”: soggetti che sappiano sviluppare empatia, abbiano spirito imprenditoriale, capacità adattiva, ma al contempo siano in grado di vedere il quadro d’insieme e di prendere decisioni basate sui dati. Interessante anche come, ad oggi, i manager intervistati si giudichino molto deboli nella loro capacità di mettersi nei panni degli altri, siano questi Clienti o altri membri dei team di vendita.

Sul fronte Tecnologia, sulla spinta della digitalizzazione ci si aspetta che le vendite del futuro saranno sempre più smart, grazie a nuove forme di automazione e d’interazione uomo-macchina. Di fatto, numerose imprese utilizzano già i social media per il marketing e le vendite, seppur non li considerino degli strumenti di sviluppo relazionale. In maniera simile, il 70% dei manager utilizza sistemi di CRM, ma in misura limitata rispetto al potenziale degli stessi.

Anche l’Integrazione tra dati interni ed esterni rimane piuttosto debole, lasciando spesso il concetto di omnicanalità solo sulla carta. L’integrazione tuttavia non si gioca solo tra interno-esterno ma anche a livello intra-organizzativo tra marketing, vendite e customer service, dove l’utilizzo evoluto di sistemi di CRM dovrebbe ancor più favorire l’interazione tra le tre aree. Disporre di KPI e obiettivi congiunti sicuramente potrebbe essere un ulteriore incentivo alla collaborazione.

La Sales Transformation è un processo sistemico, con più dimensioni interrelate

Infine, vi è il tema dell’Accelerazione, che porta con sé concetti come lose fast: ovvero, in un mondo dove le opportunità sono spesso moltiplicate grazie alla tecnologia ma non altrettanto le risorse aziendali, soprattutto di tempo, diventa fondamentale saper perdere velocemente. Ma come si perde velocemente? Sapendo creare senso dell’urgenza; avendo il coraggio di sentirsi dire “no”; e, tornando a quanto precedentemente affermato, mettendosi nei panni del Cliente per vedere il funnel con i suoi occhi e comprendere le azioni che lo aiutano a spingersi allo step successivo, sia che questo significhi vincere, sia perdere.

La vendita “in real-time” è un altro elemento di forte accelerazione in quanto permette un’aderenza al contesto e aiuta a prendere decisioni dove servono e quando servono; questa a sua volta alimenterà il processo di vendita con dati granulari e contestualizzati che abiliteranno una migliore esperienza Cliente.

Interessante elemento di accelerazione emerso dallo studio anche l’utilizzo di visual insight e rappresentazioni. La digitalizzazione ha infatti aumentato drammaticamente il numero di touch point e quindi la numerosità di soggetti, spesso eterogenei per obiettivi e visioni, che si trovano a interfacciarsi. L’utilizzo di elementi visivi a supporto di altre forme di comunicazione può facilitare il coordinamento tra idee diverse e quindi accelerare il processo di decision-making.
Un errore in cui spesso sono incorse le imprese fino ad oggi è stato quello d’investire in Tecnologia o nelle Persone; ciò che invece abbiamo dimostrato è che per generare trasformazione serve un investimento anche nei processi d’integrazione e accelerazione. Se partiamo infatti dall’assunto iniziale, che i contesti di mercato e sociali siano connotati da complessità crescente, allora dobbiamo essere pronti ad accettare la Sales Trasformation come un processo sistemico, che va appunto compreso come un sistema complesso di dimensioni tra loro interrelate. In caso contrario, qualsiasi investimento difficilmente avrà un reale effetto trasformativo.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18976

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.