Lo scenario. Di cosa parliamo quando parliamo di skill

Society Lo scenario. Di cosa parliamo quando parliamo di skill

Allarghiamo lo sguardo. Ecco i cambiamenti nella società che rendono necessario un nuovo approccio allo sviluppo delle persone

  • Non solo stanno nascendo nuovi lavori, ma ogni mestiere si sta dotando di un nuovo senso
  • I cambiamenti sono sempre più imprevedibili e non rispondono solo all'evoluzione tecnologica
  • La quarta rivoluzione industriale provocherà l'automazione di molti lavori, ma c'è un altro rischio: il diffondersi di mestieri senza alcun impatto, che generano spreco di talento e scarso impatto economico

L’85% dei lavori del futuro non è ancora stato inventato, lo afferma un report dell’IFTF. Così come quasi il 50% delle posizioni aperte negli ultimi 5 anni, non esisteva nei precedenti 5. Per averne conferma, è sufficiente scorrere LinkedIn, dove troviamo job title con vita davvero breve: conversational interface architect, omnichannel planner, requirements engineering ninja. E la lista potrebbe continuare.

Non si tratta (solo) di nuove etichette. Le relazioni tra mestieri e ruoli professionali assumono nuove traiettorie e si mixano. Se, nelle posizioni tradizionali, questo rapporto è diretto (un ingegnere fa l’ingegnere e un manager il manager), nelle nuove posizioni il “cosa faccio” non è più una risposta stabile nel tempo. I lavori richiedono capacità di visione sempre più ampia, una “augmentation strategy”, per citare il Future of Jobs Report 2018 del World Economic Forum.

Se i nomi delle professioni cambiano, servono competenze in grado di riempirle di senso. Altrimenti, rischiano di rimanere scatole vuote o – peggio – posizioni senza alcun candidato idoneo. È un aspetto non trascurabile dello skill shortage: l’assenza delle competenze necessarie a svolgere un determinato ruolo. È l’effetto più superficiale di una trasformazione sociale, economica e produttiva che coinvolge ogni attività e che sta producendo visioni radicali. C’è chi prevede la fine dei job title e un futuro (prossimo) in cui ci saranno solo ruoli, definiti in base a un insieme mutevole di skill: personali, collaborative, da acquisire nel tempo. È un cambio di prospettiva che risponde a due esigenze principali: la capacità di adattamento e la gestione della complessità.

Perché sta accadendo tutto ciò? Semplificando, le trasformazioni sono sempre più rapide, frequenti e questa accelerazione non si fermerà finché ci saranno due caratteristiche nell’economia: globalizzazione e connessioni digitali. Ogniqualvolta emergono nuove esigenze delle persone, vengono intercettate e trasformate in nuovi trend, diffusi su scala planetaria. Che le organizzazioni devono soddisfare con nuovi prodotti e servizi: tanto più la loro risposta sarà rapida, tanto più le aziende potranno ritenersi competitive. Quindi le imprese devono comprendere, progettare, testare, realizzare e distribuire. In media, i cicli di lancio sono passati da due anni a sei mesi. E tendono a ridursi ancora.

Le relazioni tra mestieri e ruoli professionali assumono nuove traiettorie e si mixano

Con la rapidità delle trasformazioni, aumentano anche gli imprevisti. Non tutti i cambiamenti avvengono lungo una linea che, più o meno ripida, segue l’evoluzione tecnologica. Negli ultimi anni, si sono verificati eventi che l’economista e filosofo Nassim Taleb definisce “cigni neri”: episodi non previsti con conseguenze potenzialmente negative per il mondo intero. Pensiamo a Brexit o, ancora, al Dieselgate, che ha azzerato l’aspettativa di vita di una tecnologia che – senza lo scandalo del 2015 – avrebbe avuto molti più anni davanti a sé.

Questi fenomeni impattano sulla strategia delle organizzazioni. Che sono fatte di persone: bisognose di strumenti, competenze, nuove capacità. Non solo per eseguire compiti, ma per comprenderne il senso. Non è un caso che – tra le competenze del futuro più citate – ci sia un universo molto vasto di parole legate alle cosiddette soft skill: problem solving strategico, capacità analitiche, decision making. Necessarie non più solo ai manager, ma a qualunque tipo di lavoro. Sono abilità che superano le competenze tecniche (la capacità di programmare o usare un software) ed entrano in una sfera “culturale” in cui è difficile trovare una definizione univoca.

Le forze che destabilizzano la definizione e la formazione di nuove skill sono già attive

Finora – di proposito – abbiamo lasciato da parte la quarta rivoluzione industriale. Algoritmi, robot e sistemi autonomi, in un futuro non troppo lontano, si impossesseranno di intere filiere produttive. Secondo una visione ottimistica, le macchine – alle quali verranno affidati compiti “operativi” – faranno aumentare la qualità del lavoro (meno ore davanti a una scrivania, meno azioni ripetitive). Per realizzare questa prospettiva, le aziende, con il supporto dei policymaker, devono supportare le proprie persone in processi di reskilling e upskilling (ricollocare abilità e potenziarle) per impiegare talento e le migliori qualità umane nella generazione di nuovo valore.

L’automazione è uno spettro incombente, ma le forze che stanno destabilizzando la definizione, la ricerca e la formazione di nuove skill sono già attive (e la tecnologia non è l’unica protagonista). Le questioni aperte sono molte e, se rimangono senza risposta, attivano un altro tipo di trasformazione. Che rende ogni lavoro un potenziale bullshit job, secondo la definizione di David Graeber. Attività in cui si applicano competenze non più utili, in un contesto ormai mutato. Sono impieghi che sopravvivono per inerzia: hanno perso il loro senso e producono azioni prive di valore. Generano spreco di talento e scarso impatto economico. E allora, come – attraverso le competenze e il potenziamento continuo – le persone possono continuare a essere rilevanti, nelle organizzazioni e per la società?

 

 

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18817

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.