Il “gioco” della vendita. Tra emozione e relazione

Companies Il “gioco” della vendita. Tra emozione e relazione

Una prospettiva di sistema, per osservare come concetti come “relazione”, “emozione”, “fiducia” e “credibilità” interagiscano con i brand e i canali

Prima di tutto vorrei esprimere un pensiero a cui tengo. Penso che, in ogni relazione sociale in cui avviene uno scambio di “contenuti”, si consumi un breve istante in cui tutti gli attori coinvolti partecipano al medesimo “gioco”: la vendita.

La parola “vendita”, secondo me, racchiude una molteplicità di significati che prendono forma in base alla prospettiva di osservazione. Vendere è un’emozione che lega gli attori in campo e non deve basarsi unicamente sulla mera transazione, bensì deve costruirsi (nel breve tempo… e questo è complesso) sulla relazione, sulla fiducia e sulla credibilità. Il prodotto, inteso come oggetto di scambio, è solo l’elemento finale, per il quale però tutto è iniziato.

Nel mondo dei servizi, questa situazione è ancora più articolata, perché l’oggetto della “transazione” spesso è intangibile prima della vendita e solo dopo prende forma e sostanza.

Vendere è un processo ciclico, che si estende attraverso i diversi canali ed è  frutto di tanti momenti di back and forth

Se volessi calare queste considerazioni nella realtà di mercato in cui ho il piacere di lavorare con Sky, diventa ancora più evidente la necessità di applicare una cultura di vendita emozionale e sempre meno transazionale. Partendo, ad esempio, da una prospettiva meramente economica, quando si offre un prodotto descrivibile come “l’emozione di un contenuto televisivo”, si agisce direttamente sulla sfera personale, dove il prodotto punta a migliorare il tempo libero, aspira a contribuire alla “better life” del Cliente e compete con la sua capacità di spesa marginale, confrontandosi con altri prodotti/servizi più immediati e più facilmente identificabili come necessari (spese telefoniche = relazione, telefono mobile = accesso alla digital life, cena fuori = social…).

Di fatto si toccano risorse che, nel bilancio di una persona, possono essere dedicate a molte altre cose. Sky quindi ambisce a “vendere emozioni”, che siano quelle dei tifosi, degli amanti del cinema o delle serie, dei fan degli show e dei format di tendenza, degli amanti dell’arte e della conoscenza. È qualcosa che aiuta a stare meglio e che difficilmente si può fisicizzare o mettere su uno scaffale. Ma c’è un altro importante elemento di differenziazione: un’emozione non si compra se prima non la si vive.

Appoggiarsi alla forza del brand, narrare più che vendere, semplificare l’offerta e ridurre le opzioni di trading sul prezzo, sono azioni che rimettono il contenuto al centro, creano trust e accorciano il lead time commerciale

Mix, canale e vendita trash

Esistono invece attori che interpretano la vendita in modo totalmente differente, non meno efficace, ma sicuramente più orientata alla massimizzazione del risultato nel breve termine. Specifici mercati e prodotti possono, ancora oggi, giustificare un approccio dove si sacrifica buona parte dell’esperienza Cliente. Talvolta però siamo portati a valutare tali performance giudicandole come output di un canale di vendita e spesso cadiamo nella trappola di “etichettare i canali distributivi” in base a questa variabile. Personalmente credo che ogni canale di vendita possa vestire tutti gli stili che un brand gli chiede di rappresentare. Non immagino un canale che violi tali regole anche perché la responsabilità sarebbe nella sua gestione e non nella sua struttura di go to market.

Queste mie considerazioni cercano di distinguere il concetto che qualcuno definisce come “vendita trash” (gergo a mio parere estremo, ma chiaro) dal ruolo che hanno i singoli canali, separando le responsabilità di tale fenomeno. Il go to market inteso come scelta del mix distributivo, a mio parere, può agevolare fenomeni “trash” ma non credo che ne rappresenti la vera causa. Tutti i touchpoint possono essere misurati su KPI qualitativi e quantitativi, o meglio con un mix dei due. Tutti possono avere un orientamento alla relazione con il Cliente più o meno spinta. Spesso è il rapporto costi-benefici che giuda la scelta aziendale e di conseguenza, la profondità qualitativa da garantire.

In un percorso di vendita ideale, nella relazione commerciale venditore-Cliente si sviluppa una “magica alchimia”

La credibilità si diffonde attraverso i canali

In una logica di trading innovativa, bisogna puntare a costruire una rete di relazioni con il Cliente basata su touchpoint fisici e digitali, dove l’esperienza di prodotto, lo storytelling e la forza del brand siano ben bilanciate, coerenti nei messaggi e sempre rivolte al Cliente. Tornando a Sky, spesso l’acquisto non avviene al primo contatto. Vendere è un processo ciclico, che si estende attraverso i diversi canali ed è frutto di tanti momenti di back and forth. Nel nostro caso l’omnicanalità è davvero fondamentale: è acquisizione progressiva di conoscenza da parte del Cliente, in un ecosistema che scambia stimoli continui. Ma ogni canale di contatto, per massimizzare
il proprio risultato, può talvolta generare stimoli non corretti (impulsi fake). Costi accessori, proposizione e ricchezza del contenuto, opzioni di piattaforma tecnologica, aspetti dell’offerta, sono tutti elementi esposti al rischio.

Più la relazione con il Cliente si basa su aspetti transazionali e più tale area di rischio si amplifica. Invece, appoggiarsi alla forza del proprio brand, narrare più che vendere, semplificare l’offerta e ridurre le opzioni di trading sul prezzo, sono tutte azioni che spostano l’asse, rimettono il contenuto al centro, creano trust nella relazione (sia fisica che digitale) e accorciano il lead time commerciale.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18976

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.