Cosa succederà dopo il virus?

Future Cosa succederà dopo il virus?

Guardiamo oltre la pandemia, con un approccio pragmatico, per comprendere cosa può significare convivere con il virus.

La diffusione in tutto il mondo di un virus particolarmente pericoloso e distruttivo come il Sars-Cov-2, che ha causato la drammatica pandemia di Covid-19 e il decesso di una grande quantità di persone, può essere considerato il più importante evento accaduto dalla fine della seconda guerra mondiale. Tale evento, pertanto, ha inevitabilmente prodotto e sta a continuando a produrre degli intensi processi di cambiamento nella nostra realtà sociale e culturale.

Numerosi studiosi hanno sviluppato una concezione “apocalittica” degli effetti della pandemia di Covid-19, condividendo l’idea che tale pandemia debba essere considerata come un evento epocale in grado di modificare radicalmente il nostro mondo. Probabilmente però, com’è sempre successo, la società riassorbirà progressivamente nel corso dei prossimi anni gli effetti della pandemia e molte delle tendenze economiche e sociali precedentemente attive riprenderanno il loro corso. Il processo di globalizzazione economica, ad esempio, con la pandemia ha rallentato il suo corso, ma continuerà a svilupparsi massicciamente nonostante la sua evidente responsabilità nella incentivazione della diffusione del coronavirus. Inoltre, la pandemia, come sempre succede in situazioni di crisi, ci ha reso più umani, vale a dire che ci ha avvicinato agli altri e ci ha fatto comprendere l’importanza della solidarietà tra le persone. Però anche in questo caso, passata l’emergenza, ritorneremo a essere individualisti e fortemente orientati verso la soddisfazione dei nostri bisogni personali. Dunque, dopo la pandemia di Covid-19, quello che alla fine si produrrà è una intensificazione di alcuni dei processi economici e sociali già in corso prima della crisi. Ad esempio, continueremo a vivere connessi tramite il mondo digitale e a consumare griffe e prodotti di moda di cui forse non abbiamo così bisogno come pensiamo.

Ci saranno però anche dei cambiamenti. Uno di quelli più significativi consisterà probabilmente nel fatto che ci abitueremo a convivere ancora a lungo con il virus, il quale rimarrà “sotto traccia” com’è accaduto a molti altri virus ancora vivi tra noi. Certo, nella nostra vita ci sono sempre stati molti virus, ma di solito non ne eravamo consapevoli. Questo nuovo virus non potrà essere ignorato e muterà notevolmente i nostri comportamenti. Va considerato che gli esseri umani sono fondamentalmente degli animali sociali e non possono fare a meno delle relazioni con gli altri. Il virus, invece, ci impedisce di fare proprio questo e dunque dovremo faticosamente adattarci a vivere “a distanza”. Per l’attività commerciale le conseguenze saranno significative. Pensiamo soltanto alle conseguenze negative sull’attività economica e commerciale tradizionalmente presente nei centri delle città. Resta il fatto che, pian piano, il virus comincerà a essere considerato qualcosa di normale. Non avrà più la posizione centrale nei messaggi dei media e andrà ad integrarsi nelle abituali occupazioni della vita quotidiana delle persone.

Per evitare che i danni causati dal virus si ripresentino, dobbiamo impegnarci nel tutelare ciò che ci circonda, a partire dall’ambiente

Ciò è possibile perché gli esseri umani sono dotati di una notevole capacità di adattamento. L’hanno dimostrato in maniera evidente accettando docilmente di restare rinchiusi nelle loro abitazioni per parecchi mesi. Dunque, di fronte a una situazione di crisi, le persone cercano di trovare delle soluzioni soddisfacenti. Così, potranno decidere anche di cambiare lavoro o di entrare in un nuovo settore lavorativo. Di solito, in una situazione di difficoltà riescono ad essere estremamente creative. Lo vediamo con i numerosi imprenditori che hanno creato negli ultimi mesi delle soluzioni innovative ed efficaci per i tanti problemi che gli individui incontrano oggi nella vita quotidiana. Dobbiamo anche pensare che tutti gli Stati stanno immettendo ingenti risorse economiche nell’economia e ciò produrrà un effetto di stimolo particolarmente potente per spingere verso la nascita di nuove attività lavorative.

Certo, i gravi danni che la pandemia di Covid-19 ha causato non saranno facilmente dimenticati dalle persone. Perciò, queste chiederanno in futuro a chi le governa di cercare di evitare che tali danni si ripresentino, cominciando prima di tutto dall’impegno per tutelare l’ambiente naturale. Un ambiente la cui distruzione, come sostengono molti scienziati, ha rappresentato una delle principali cause alla base della diffusione della pandemia di Covid-19, perché ha portato gli animali, e soprattutto i virus che essi contengono, a contatto con i corpi degli esseri umani. D’altronde, le persone sono anche sempre più consapevoli che l’attuale crisi ecologica e ambientale è particolarmente grave, dato che minaccia non solamente la vita di numerose persone, ma quella di tutte le forme di vita esistenti sul pianeta Terra.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18976

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.