Caro manager, la tua impresa può dissolversi

UFO. Unidentified Future Organizations Caro manager, la tua impresa può dissolversi

Quando scompare il centro di gravità fisico delle organizzazioni, i manager devono occuparsi di costruire un nuovo “collante” per le persone.

Attenzione, questa organizzazione si autodistruggerà fra 10…9… 8… mesi. Ed è colpa tua.
Ok, adesso che ho attirato la tua attenzione – caro manager – ti spiego perché sono molto preoccupato di quello che sto vedendo in giro. Le cose, là fuori (nel senso di fuori da Microsoft Teams), sono regolate da leggi potenti e inossidabili come la forza di gravità di Newton, la “Regola dell’amico” di Max Pezzali, i bisogni primari di Maslow e non solo. Ok, cose vecchie e dette e ridette ma ancora importanti.

Dopo marzo 2020 le organizzazioni si sono sparpagliate perdendo il proprio centro di gravità fisico spesso sostituito da un niente cosmico. Mentre si lavorava per la business continuity, molte imprese si sono proiettate nel “tutti a casa” – evviva il remote working, ce la faremo! – credendo che bastasse per proteggere il bene più prezioso, le persone. Passano i mesi e, passata l’emergenza, adesso tutti sono presi da progetti di reframing del business post-Covid19 e da grandi riorganizzazioni. Mentre le persone spesso sono ancora a casa o preda di scoordinati rientri sui posti di lavoro. Quando va bene, con stop & go di processi di smart working che risentono di un mix mortale composto da interpretazioni del ritmo di lavoro pandemico e (im) preparazione dei leader nel governare le persone (e non il business) in tempi incerti.

Morale: i vecchi modelli organizzativi non hanno saputo sostituire la “massa” del luogo di lavoro fisico con una forza di attrazione capace di funzionare in un universo ibrido. Le identity aziendali si sono indebolite, la vision sfocata, persi i riti veri di costruzione e trasmissione di cultura. I nuovi arrivi in azienda stanno invecchiando senza aver vissuto l’impresa. È in corso una pericolosa forma di disgregazione: tutti sono collegati, ma nessuno è in contatto. Le persone si sentono meno parte del progetto, non sanno mettere in equilibrio i bisogni dell’io – concreti e quotidiani come le mura di casa – con quelli dell’impresa, ormai mediata solo da riunioni online, suite di collaboration e chat di gruppo. E quando si torna in sede, le preoccupazioni riguardano cartelli, semafori, app di prenotazione dei posti. Il tema più importante: come ripopolare di vera e nuova vita i pianeti del lavoro, nel migliore dei casi, è solo un proclama. Le aziende così perdono massa. Le persone si allontanano, nel migliore dei casi con la testa, nel peggiore (ma non so cosa sia meglio) dando dimissioni alla ricerca di pianeti migliori.

I manager che si occupano di dare senso, creare legami, animare i nuovi modelli di lavoro, creare appuntamenti (e non solo scadenze) sono pochini e prima o poi si stancano, se non supportati. Gli altri sono sempre presenti quando c’è da discutere sulle logiche del “cosa” fare (per garantire le perfomance), ma sono non-pervenuti quando c’è da affrontare il “come” fare qualcosa in modo nuovo.

Le organizzazioni sono fatte di legami. È ciò che tiene unite le persone

Ok, direte voi, stiamo organizzando il futuro e stiamo riflettendo sulle nuove organizzazioni. Roma non fu fatta in un giorno. Vero!
Ma attenzione: la velocità con cui si deteriorano le organizzazioni vecchie è incredibile. Quando si rompe il patto di fiducia tra chi organizza e chi lavora è difficile aggiustarlo. Manca la colla. Perché le organizzazioni sono fatte prima di tutto di legami. Quello che tiene unite le persone. Che sia uno stile, una visione, un metodo, un rito, una canzone, un luogo, una cultura. Le persone non sono organizzazioni ma le organizzazioni sono fatte di persone.
Come vogliamo ricreare la forza di gravità che tiene uniti? Come produrre legami e relazioni? Come ricaricare di ossitocina e dopamina gruppi di lavoro stremati? Fatelo presto. E fatelo credendoci e con spirito bello. La nostra generazione ha l’onore di partecipare alla sfida di rifondare le modalità con cui lavoriamo. È un privilegio, è una responsabilità da non sprecare. Diamoci dentro.
E come dice un proverbio cinese “divertiti, è più tardi di quello che pensi”.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18976

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • UFO. Unidentified Future Organizations

    UFO. Unidentified Future Organizations

    Le organizzazioni sono diventate UFO: oggetti non identificati in trasformazione. Oggi abbiamo la possibilità di immaginare un futuro desiderabile per questo nuovo tipo di imprese, ibride distribuite. A partire dal nuovo ecosistema di relazioni e dai legami significativi tra persone, territori e comunità.

  • Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    Trash. Sconfiggiamo la vendita-spazzatura

    In questo Quaderno indaghiamo le origini del trash. Che, per noi, nascono da quella vendita che non risolve problemi reali e concreti. L'antidoto è una vendita circolare e infinita, che trae il massimo vantaggio moltiplicando i punti di contatto con il Cliente, coinvolgendolo e generando una visione condivisa tra persone e organizzazioni.

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.