Amplified Brain: i perché della motivazione

People Amplified Brain: i perché della motivazione

Gli esseri umani non sono macchine. Sono però anch’essi governati, almeno parzialmente, da meccanismi che regolano il loro comportamento. In questo articolo Giorgia Quadrato, ricercatrice di neuroscienze alla Harvard University, ci spiega come l’Amplified Identity possa trovare i suoi contorni anche nella scienza.

sintesi

Cosa succede nel nostro cervello quando ci emozioniamo, proviamo paura, desideriamo qualcosa o impariamo?

Queste sono solo alcune delle domande alle quali le neuroscienze stanno cercando di dare una risposta basata su evidenze scientifiche.
Avvalendosi di un approccio multidisciplinare di ampio spettro (dalla biologia alla chimica, dalla psicologia alla medicina, dalla linguistica all’informatica) il neuroscienziato si serve delle più moderne tecnologie di scansione e analisi del sistema nervoso per registrare, e poi capire, “perché” proviamo certi sentimenti, assumiamo specifici comportamenti, prendiamo decisioni invece di altre o, a volte, ci ammaliamo.

Pur essendo ancora lontani dallo svelare tutti i dettagli dei complessi meccanismi del cervello che fanno di noi quello che siamo, già oggi le neuroscienze hanno messo in luce alcuni aspetti basilari che riguardano, per esempio, la motivazione delle persone.
In particolare, si sta dimostrando e codificando il ruolo fondamentale svolto da alcuni neurotrasmettitori, ovvero delle sostanze biochimiche prodotte dal cervello che trasmettono informazioni da un neurone e l’altro, generando reazioni fisiche e sensazioni.

Si può esemplificare il ruolo di neurotrasmettitori paragonandoli a messaggeri che, una volta inviati da un neurone, sono in grado di portare uno specifico messaggio ad altri neuroni. Se prendiamo il caso del neurotrasmettitore chiamato serotonina, le cui generazione ed emissione sono collegate a eventi sociali nei quali la nostra stima personale viene rafforzata (per esempio in momenti di riconoscimento pubblico del nostro valore), quando questa sostanza raggiunge i ricettori di altri neuroni, ecco che il nostro umore migliora e ci sentiamo “bene”.

Così come la serotonina viene stimolata anche da eventi ambientali e genera sensazioni e comportamenti conseguenti, l’ossitocina – noto anche come “ormone delle coccole” – regola alcuni aspetti legati alla relazione tra persone, l’adrenalina entra in gioco in contesti connessi con la competitività, le endorfine hanno un ruolo chiave nel piacere fisico e decine di altre neurotrasmettitori hanno impatto di analoga por- tata in contesti diversi.

Quando si parla di motivazione, di desiderio, di partecipazione attiva, c’è però un neurotrasmettitore che merita una menzione specifica: la dopamina. Tra le sue tante e varie funzioni, la dopamina stimola il desiderio di fare, di ottenere qualcosa.

Più che come ricompensa per un’azione svolta, come accade per esempio con le endorfine che sono generate in grande quantità quando si svolgono attività fisiche impegnative (mai sentito parlare di runner high?), la dopamina si attiva quando ci rendiamo conto che, svolgendo particolari azioni, ne conseguirà una ricompensa per noi ritenuta di grande valore.

La prossima volta che non avremo voglia di andare in palestra, immaginare il risultato della nostra fatica, per esempio un numero sulla bilancia o l’apprezzamento degli amici, potrà attivare la giusta quantità di dopamina che ci renderà più facile alzarci dal divano.

Articolo tratto dal nostro Quaderno 8 “Ne(x)twork: Flow, Amplified Identity, Common Environment”.

Weconomy book

  •  Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato. 18827

    Thinking, connecting, cooperating, collaborating, swarming, empowering, democratizing, sharing: il futuro è già cambiato.

    Il primo mattone che ha dato il via al progetto Weconomy. Weconomy, L’economia riparte dal noi esplora i paradigmi e le opportunità dell’economia del Noi: più aperta, più partecipativa, più trasparente fatta di condivisione, reputazione e collaborazione. Grazie al mash-up di contributi internazionali e alla partecipazione di oltre 40 co-autori, Weconomy Book è un serbatoio di energia, pensieri, teorie, storie, pratiche e strumenti che ruotano attorno al tema del talento collettivo. Un incubatore informale e aperto al contributo di tutti, per immaginare, creare e continuare ad innovare il futuro dell’economia.

Magazine

  • Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Kill Skill: un non catalogo di competenze

    Non esistono skill “a prova di futuro”. Perché, quando parliamo di abilità e competenze, in realtà parliamo di sviluppo delle persone.

    In questo Quaderno abbiamo affrontato il tema delle skill dal punto di vista sistemico, per esplorare ciò che ispira e motiva a imparare, a praticare nuovi comportamenti e innesca percorsi evolutivi che connettono persone e organizzazioni.

  • Robot: l'automazione è collaborativa?

    Robot: l'automazione è collaborativa?

    R come Robot - Quali sono le possibili relazioni tra umani e tecnologia? Il tema è esplorato indagando in due sezioni le trasformazioni a livello sociale e aziendale. Una sezione dedicata alla mostra Posthuman (svoltasi durante la MDW 2017) conclude il quaderno. L'obiettivo di questo numero è quello di fornire spunti, quello di avviare un dialogo, di stimolare un'ulteriore esplorazione di diversi punti di vista.

  • Quid novi? Generazioni che collaborano

    Quid novi? Generazioni che collaborano

    Q come Quid Novi – Generazioni che collaborano. Il quaderno numero 11 di Weconomy si concentra sulla condivisione di luoghi, tempi e spazi da parte di diverse generazioni con mindset differenti e sulle trasformazioni che questa convivenza implica. Autori dalle età, competenze e mestieri diversi, per assicurare un punto di vista molteplice. Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità.

  • POP Collaboration: Point Of Presence

    POP Collaboration: Point Of Presence

    P come P.O.P. Collaboration. Il decimo quaderno descrive lo spettro di significati assunti dall’io nei processi di collaborazione. 12 autori dai background diversi si interrogano sul ruolo dell’individuo che si riprogramma e si trasforma (Hyperself) e che collabora in maniera diffusa e spontanea, essendo consapevole del ruolo degli altri io coinvolti (Integrated Self). L’io come particella fondamentale della collaborazione.

  • Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    Oops, Or, Ok: il paradosso della scelta continua

    O come OOPS, OR, OK. Il Quaderno 9 indaga il paradosso della scelta continua: tra i 14 autori che esplorano le tematiche legate al “prendere decisioni”, troviamo dall'astronauta, al medico, dal designer al community manager, tutte persone che lavorano in contesti in forte trasformazione. Perché di fronte alla scelta e alle opzioni, l’unica scelta veramente sbagliata è non scegliere.

  • Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    Ne(x)twork: flow, amplified identity, common environment

    N come Ne(x)twork, neologismo che gioca sulle parole next, work e network. Il Quaderno 8 è dedicato al futuro del lavoro e alla necessità che questo sia connesso e condiviso in modo continuo. Una condivisione che porta alla creazione del Flow (Flusso) che l’Impresa collaborativa ha il bisogno di saper dirigere, coordinare, stimolare ed eventualmente modificare in itinere.

  • Management: Cross, Self, Content

    Management: Cross, Self, Content

    M come Management. Il settimo Quaderno esplora le mutevoli dinamiche e i cambiamenti che riguardano il mondo del Management: un racconto in tre atti di come intrecci tra universi diversi (Cross), propensione all’auto-organizzazione coordinata (SELF) e valorizzazione dei contenuti sull’offerta (Content) rappresentino le tre diverse dimensioni nelle quali l’Impresa collaborativa si sviluppa.

  • Local: Talent, Community, Making

    Local: Talent, Community, Making

    L di Local.Un’occasione per riflettere e agire sulla (e dalla) dimensione collaborativa come combinazione di Talent, Community e Making. Con inserto dedicato alla quarta dimensione del Tempo con Timescapes.

  • Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    Info, Indie, Inter: L’Innovazione rinnovata

    I come innovazione, che è prima di tutto unaa questione di valori (e di valore). E innovare il contenuto (Info), innovare l’attitudine (Indie), innovare la relazione (Inter) sono le tre possibili scelte di valore per le Imprese.

  • HR: Human (R)evolution

    HR: Human (R)evolution

    La “Rivoluzione dell’Impresa” che mette la persona al centro del suo futuro. Una rivoluzione che trasforma la Persona umana da risorsa ad “atleta, acrobata, artigiano”.

  • Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    Empowerment, Feedback, Gamification: c’era una volta il Retail

    C’è e soprattutto ci sarà ancora? Se ne parla in questo terzo Quaderno attraverso 3 parole chiave: Empowerment, Feedback, Gamification, aspetti fondamentali del retail collaborativo.

  • Design: (Re)shaping Business

    Design: (Re)shaping Business

    D come Design: aperto, social e collaborativo, a disposizione dell’Impresa per (ri)dare forma al business. Un quaderno che raccoglie e sviluppa spunti e contributi emersi durante l’evento Making Together.

  • Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Auto, Beta, CO: (Ri)scrivere il Futuro

    Il quaderno dedicato alle prime lettere dell’alfabeto per l’Impresa collaborativa: A come Auto, B come Beta, C come Co. Perché la collaborazione è sì una necessità, ma funziona solo se c’è uno scopo e un senso condiviso.